Prestiti per i dipendenti – Linee guida per aiutarvi a richiedere un prestito

In pratica, quasi tutti i giorni, diverse persone si trovano nelle condizioni di dover rendersi conto di come alcune incombenze ed obblighi di carattere economico e finanziario, che gravitano sulle loro teste e sulle loro vite, non solo hanno il carattere della urgenza con scadenze ben precise e delineate ma rappresentano anche uno di quegli ostacoli che appaiono in poche parole quasi come insormontabili. Come si fa a risolvere una faccenda del genere se non si hanno i soldi? Molto spesso questo capita ai dipendenti, lavoratori con contratti regolari che possono andare in una banca a chiedere un prestito. Ma come si fa a richiedere un prestito?

Se state pianificando di offrire prestiti ai dipendenti per far fronte alle spese e per finanziare i requisiti futuri, dovrete essere a conoscenza delle linee guida che si applicano all’offerta di prestiti. Queste linee guida sono stabilite dalla FSA (Financial Services Authority) e la maggior parte degli istituti di credito devono seguire queste linee guida per fornire prestiti che siano adatti allo scopo. C’è una serie di linee guida che dovranno essere seguite prima di poter concedere prestiti e queste sono delineate qui di seguito.

La prima cosa che dovete sapere sui prestiti per i dipendenti è il tasso d’interesse che vi verrà addebitato. Questa regola non può essere infranta in quanto la FSA dovrà imporre una tariffa massima. Tuttavia, questo limite sarà diverso da prestatore a prestatore. Si consiglia di utilizzare un broker specializzato quando si ottengono queste informazioni, in quanto il broker sarà in grado di ottenere un tasso migliore e potrebbe anche essere in grado di ottenere un prestito con un periodo di rimborso più lungo. Questo significa che sarete in grado di effettuare i rimborsi su un periodo più lungo.

Quando si tratta del tipo di prestito che vi verrà offerto, ricordate che più alto è l’importo del prestito e più lunga è la durata del prestito, più alto sarà il tasso di interesse che vi sarà quotato. Pertanto, se avete intenzione di fornire questo tipo di prestito ad un numero maggiore di dipendenti, sarebbe saggio ottenere questo prestito approvato attraverso un broker. Quando si tratta di quanto si può prendere in prestito, c’è un limite annuale su quanto si può prendere in prestito. Questo limite è normalmente 10% del salario medio, ma può essere diverso da prestatore a prestatore. E ‘meglio controllare con la FSA per vedere quale è il vostro limite di prestito personale in modo da essere in grado di prendere la migliore decisione su quale prestito fornire.

Tutto quello che desideri sapere in più lo puoi trovare qui di seguito: Domande frequenti sui prestiti a dipendenti pubblici e privati